Turismo cinese: la scelta delle destinazioni

Il ruolo centrale della promozione tramite app cinesi e non solo.

Il ruolo di film e TV Il 62% dei turisti cinesi cita contenuti in film o serie TV come fattore chiave di influenza nella scelta della destinazione. A dare prova di questo potere il caso della Thailandia, dove tra il 2012 e il 2013 il numero di turisti dalla Cina è aumentato del 66,4%.

Una delle cause? L’uscita di “Lost in Thailand”, film commedia cinese girata nel nord della Thailandia campione di incassi nel 2012. A confermare l’influenza, dati da ricerche accademiche della Shaanxi Normal University dei post riguardo viaggi in Thailandia sull’app cinese Mafengwo, dove oltre il 22% dei turisti menziona il film come fonte di ispirazione principale per la scelta della destinazione.

Ancora, l’influenza è stata spaziale, con una diffusione dei flussi dalla capitale Bangkok a favore delle due città in cui è stato girato Lost in Thailand: Chiang Mai e Pai. Il potere dei social prima del viaggio Ancora più che per altri gruppi, il digitale e l’insieme dei contenuti presenti nelle app cinesi social sono un elemento centrale nel processo decisionale del turista. Partendo dalla fase di ispirazione sono due i fattori determinanti espressi tramite digitale:

  • La condivisione sui social di un’esperienza da parte di amici, familiari o colleghi
  • la promozione di una destinazione effettuata da un influencer, chiamato Key Opinion Leader, che trasmette ai propri followers il desiderio di recarsi in quel luogo

Esaminando la gerarchia:

  • il 57% dei turisti cinesi considera le esperienze di familiari e amici come il primo fattore di influenza nella scelta di una destinazione;
  • il 50% dà priorità al desiderio personale.

Anche la fase di ricerca informazioni può essere interamente completata sulle app cinesi social, dove amici e parenti condividono i consigli di viaggio e gli operatori a destinazione effettuano marketing turistico presentando informazioni e raccontando il territorio sui propri canali ufficiali. Esperienza di viaggio: il potere della condivisione

I social: una cartolina digitale

Il percorso sulle app social prosegue durante il viaggio, a destinazione, e si estende oltre al ritorno a casa. I social media sono la cartolina del presente e saranno quella del futuro, soprattutto per i turisti cinesi. Durante il viaggio i due terzi dei turisti dalla Cina pubblicano da 3 a 5 post social al giorno, contenuti che circolano tra la sua rete arrivando a influenzare altri potenziali viaggiatori ancora in fase di ispirazione/informazione. Questo il potere dei social, in un cerchio in cui la chiusura dell’esperienza di un turista dà avvio al percorso di un nuovo viaggiatore. Clicca qui per scoprire come Vento d’Italia utilizza le app cinesi per promuovere una destinazione e le sue eccellenze produttive.

 

Aggiornamento: questo articolo è stato rivisto il 4/07/2022

Questo articolo è stato scritto da

Condividi questo articolo.

Vento d'Italia è la rotta sicura verso il mercato cinese.

Supportiamo le destinazioni italiane e le eccellenze produttive dei territori che vogliono raggiungere i consumatori e i turisti cinesi.
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leggi anche

Turismo Italia-Cina: il valore del brand UNESCO

Cina e Italia ospitano il maggior numero di siti presenti nella lista dei patrimoni dell’umanità...

Il turismo domestico cinese corre veloce

I numeri della ripresa Già evidente dai dati delle festività Golden Week 2020 e il Capodanno...

Passaporto sanitario: uno strumento per varcare i confini

8 marzo 2021, Assemblea Nazionale del Popolo: il Ministro degli Affari Esteri Wang Yi annuncia...

Turismo cinese: l’ascesa dei parchi naturali

La Cina possiede un ricco patrimonio naturalistico: 897 parchi naturali nazionali, di cui un terzo...

Il turismo cinese diventa indipendente

Analizzare i dati della più popolare OTA cinese, Ctrip è utile per capire i trend e le evoluzioni...