Cosa è cambiato nel turismo Italia-Cina?

Come cambiare il settore turistico per adattarlo al mondo di oggi.

In epoca pre-covid, le nostre città erano ricche di turisti cinesi in visita. Da due anni ormai, invece, il settore travel è in crisi. Per questo, chi lavora nel campo del turismo deve riflettere su come adeguarsi alle nuove esigenze.

Nel 2020, le ripercussioni della pandemia sono state forti a livello europeo ed extraeuropeo:

  • La UNWTO, l’Organizzazione Mondiale per il Turismo, ha registrato un calo del 72% annuo degli arrivi in Europa meridionale e mediterranea.
  • L’ISTAT ha calcolato una perdita di 10 miliardi di euro per l’Italia, nel periodo tra marzo e maggio 2020, dovuto alla mancata presenza dei turisti internazionali.
  • Durante il Capodanno Cinese 2020, si è registrata una diminuzione del 73% annua del numero di passeggeri su trasporto aereo, stradale e ferroviario. Tuttavia, grazie alle efficaci misure di contenimento del virus, il settore del turismo cinese è stato il primo a mostrare segnali di ripresa.

Nuovi trend del turismo cinese

L’impossibilità di recarsi all’estero ha costretto i turisti cinesi a spostarsi all’interno del paese e il timore del contagio ha influenzato le modalità di viaggio:

  • Preferenza a viaggiare in gruppi più piccoli o in totale indipendenza, attraverso esperienze self-guided o self-driving.
  • Crescente digitalizzazione dell’esperienza di viaggio. Quindi, sarà fondamentale offrire informazioni sulle destinazioni attraverso un supporto digitale sulle app cinesi.
  • Disporre di sistemi di pagamento cashless e contactless, già ampiamente in uso in Cina.
  • Aumento giornaliero del 66% di auto noleggiate. Il 45% dei turisti che ha affittato un’auto non l’aveva mai fatto prima.
  • Aumento nell’acquisto di servizi turistici online, grazie alla rinnovata offerta digitale proposta da attrazioni turistiche locali. Per esempio, il Bund di Shanghai ha predisposto un sistema di visita virtuale; oppure, è possibile assistere alla cerimonia dell’innalzamento della bandiera a piazza Tiananmen, Pechino, tramite il live-streaming.

Vento d’Italia vuole approfondire i trend del turismo cinese e sfruttarli per attirare sempre più viaggiatori nelle nostre meravigliose terre. Seguici nella costruzione di questo desiderio comune e contattaci per conoscere i nostri servizi.

Fonti:
2020, UNWTO World Tourism Barometer and Statistical Annex
2020, ISTAT, UNA STAGIONE MANCATA: IMPATTO DEL COVID-19 SUL TURISMO

Aggiornamento: questo articolo è stato rivisto il 4/07/2022

Questo articolo è stato scritto da Elisa Morsicani

Condividi questo articolo.

Vento d'Italia è la rotta sicura verso il mercato cinese.

Supportiamo le destinazioni italiane e le eccellenze produttive dei territori che vogliono raggiungere i consumatori e i turisti cinesi.
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leggi anche

Turismo Italia-Cina: il valore del brand UNESCO

Cina e Italia ospitano il maggior numero di siti presenti nella lista dei patrimoni dell’umanità...

Il turismo domestico cinese corre veloce

I numeri della ripresa Già evidente dai dati delle festività Golden Week 2020 e il Capodanno...

Passaporto sanitario: uno strumento per varcare i confini

8 marzo 2021, Assemblea Nazionale del Popolo: il Ministro degli Affari Esteri Wang Yi annuncia...

Turismo cinese: l’ascesa dei parchi naturali

La Cina possiede un ricco patrimonio naturalistico: 897 parchi naturali nazionali, di cui un terzo...

Il turismo cinese diventa indipendente

Analizzare i dati della più popolare OTA cinese, Ctrip è utile per capire i trend e le evoluzioni...